Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Raduno Toyota 2015

Nel week-end del 21-22 febbraio si è svolta la sesta edizione del raduno nazionale Toyota, organizzata dalla sezione S. Andrea del G.F.I. presieduta da Ales Plesnicar.

Dopo la partenza da Gorizia, la giornata del sabato ha visto i partecipanti inoltrarsi nella vicina Slovenija, raggiungere la sommità del Korada per poi ridiscendere lungo la valle del Judrio e rientrare in Italia passando per la località di Mernicco.

Il percorso è proseguito verso Corno di Rosazzo con la possibilità di opzionare due guadi, di cui uno piuttosto lungo ed impegnativo. A metà pomeriggio veniva raggiunta la cantina Butussi per un rinfresco accompagnato dai vini doc del Collio della stessa azienda.

 


Come da tradizione, la giornata si è conclusa una cena tipica presso l’Hotel Internazionale di Goriza che ha fatto da base d’appoggio per l’intera manifestazione.

Domenica mattina il raduno ha ripreso il giro lungo strade e sterrati del fiume Isonzo e del torrente Torre, lambendo le zone coltivate a vigneto tra Farra d’Isonzo e Gradisca d’Isonzo.

A metà giornata i partecipanti hanno avuto a disposizione la “prova paletti” che consisteva nel far passare il 4x4 entro una porta mobile che lo stesso navigatore doveva posizionare cercando di avvicinarsi il più possibile alla larghezza esatta del veicolo.

 

 

 

Terminata questa prova, facile e divertente al tempo stesso, l’itinerario a road-book riprendeva in direzione dell’Abbazia di Rosazzo e seguendo un percorso immerso nei vigneti del Collio, veniva raggiunta la meta finale a Corno di Rosazzo presso l’azienda Cadibon dove era allestito il ristoro finale.

 

Questa sesta edizioni del Raduno nazionale Toyota ha visto la partecipazione di ben 35 veicoli provenienti dal nord e centro Italia; eterogeneo il parco veicolare, dalla più vecchia Toyota iscritta appartenente a Mauro Doro, Toyota Land Cruiser Bj 40 del 1975, alla più recente Land Cruiser Kdj 150 di Luca Medeot. La prova culturale ha avuto tre pari merito: Stefano Rom, Marco Zanuttini e Luca Bresciani che hanno ricevuto i premi offerti dalla Euro4x4parts, dall’azienda Butussi e dall’azienda Cadibon. La migliore prova paletti, con la minore distanza raggiunta, cioè 11 centimetri, tra paletti e larghezza del mezzo, è stata vinta da Alessia Pezzini a cui sono andati in premio prodotti offerti da Chiara Fontanot del salone di parrucchiera Graffiti Style. Marco Suman veniva premiato per la Toyota più bella e significativa, mentre il premio fedeltà andava all’equipaggio composto da Renate von Guggenberg e Helmuth Niedermayr dell’Alto Adige. Umberto Rom, uno dei pionieri del fuoristrada in Friuli Venezia Giulia, veniva premiato quale veterano del 4x4. Chiara Bresciani, neo diciottenne sempre simpatica e sorridente, vinceva il premio quale più giovane partecipante.

 

 

Tiziano Godeas - G.F.I. Alpe Adria off-road - Presidente

Partner Eventi4x4