Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Prologo Dakar 2021 - Uno sguardo in generale

La prima giornata di gara è stata veramente caldissima!

 

 

Vittoria del prologo per Al-Attiyah (#301)
Nasser Al-Attiyah non ha perso tempo nel prendere il controllo della categoria auto. Il qatarino ha portato la sua carriera a 36 vittorie di tappa. Sarà lui l’apripista della prima speciale del 3 gennaio Jeddah-Bisha lunga 277 km.

Sorpresa: (#339) Brian Baragwanath ha iniziato il prologo al 38° posto, ma è arrivato secondo entro lo stesso secondo del vincitore Nasser al-Attiyah! È stato un ritorno spettacolare alla Dakar per il pilota sudafricano, al volante della Century CR6 sviluppata da Mathieu Serradori insieme a Taye Perry, protagonista l'anno scorso della sua prima Dakar su una moto.

Si piazza in 3^ posizione Al-Rajhi (#303), partito molto bene alla sua 7^ Dakar, con un gap di 8 secondi, sicuramente un pilota da tenere d’occhio per Nasser. Un ottimo 4° posto se l’è accaparrato Jakub Przygoński “Kuba” (#307), il suo debutto alla Dakar risale al 2009 come motociclista, la sua ambizione: essere il primo pilota del suo paese a vincere la Dakar.

 

SXS
46 partenti nei T4 (prototipi leggeri) e 12 nei T3 (modificati)
Meeke vince il prologo nel T3
Kris Meeke (#380) PH-Sport, che ha imparato le basi nel WRC, è il vincitore del prologo nella categoria T3 ( prototipi leggeri). Kris, navigato dall’olandese Rosegaar, arriva dall'Irlanda del Nord ed è alla sua prima Dakar al volante di una PH Sport Zephyr, ha guadagnato due secondi di margine sul californiano 18enne Seth Quintero, navigato dal tedesco Senz (#383) RedBull Offroad Team USA, che ha concluso il prologo della sua prima Dakar al secondo posto, due secondi dietro Kris. Quintero sembra abbia dovuto scegliere se far carriera con il calcio o il rally e pare abbia fatto la scelta giusta.
Terzo classificato è l’americano Jones (#408), del Team Monster Energy Can Am, navigato dal brasiliano Gugelmin.
24^ posizione per Cinotto/Zini (#423) Xtremeplus Polaris Factory Team
38ma la Liparoti (#391) Yamaha X-Raid Team
51° Brachetti Peretti /Tornabel Cordoba (#491) Xtremeplus Polaris Factory Team

 

 

MOTO

Brabec vince il prologo
Brabec (#001), il campione della Dakar 2020 è stato l'ultimo motociclista a iniziare la speciale e ha fatto nuovamente valere il suo ritmo infernale per sfidare e battere Joan Barreda #88 e Daniel Sanders (#21). A fine prologo sono 13 i secondi che separano il trio principale. Daniel Sanders può essere un debuttante alla Dakar, ma non è un novellino. Il motociclista ufficiale KTM, uno specialista dell'enduro che ha vinto il campionato australiano Off-Road 2019, è partito alla grande alla Dakar 2021 con il terzo posto nel prologo, dietro ai primi due classificati Ricky Brabec e Joan Barreda.

Né lo strappo ai legamenti di entrambe le mani alla Dakar dello scorso anno e nemmeno le ferite all'avambraccio nelle fasi iniziali del Rally Andalucía sono riusciti a dissuadere Laia Sanz (#44) dal iniziare la prima speciale della sua undicesima Dakar. La spagnola ha concluso il rally 10 volte in altrettante partenze e farà affidamento sulla sua esperienza, sulla sua costanza e sulle nuove regole sulle gomme per ottenere un ottimo risultato, 32ma posizione per lei al prologo.

Benavides (#47) si imbarca in una nuova avventura con i colori Husqvarna. Nono nel 2019 e sesto nel 2020, il più giovane dei fratelli Benavides continua la sua ascesa ed è ovviamente il favorito per vincere la gara.

Tra gli italiani spicca il volo Gerini “the best” #142 con la sua Husqvarna, dovrà fare i conti solo con se stesso, visto che ha scelto di partecipare nella classe “malle moto”, una gran prova di coraggio!

Motociclisti più sicuri quest’anno, l'organizzatore ha reso obbligatori i giubbotti airbag per motociclisti e quad, indumenti che sono già stati utilizzati nelle gare in pista e possono prevenire tanti infortuni.

 

QUAD
Il francese Alexandre Giroud è il primo della speciale e riprende le redini dopo aver abbandonato la gara nella scorsa edizione 2020, è stato solo un secondo più veloce di Manuel Andújar, mentre Kamil Wiśniewski è arrivato terzo, 1 e 4 i secondi che ora li separano.

 

CAMION

Nuova sfida per il tre volte campione di quad Dakar Ignacio Casale con un ritorno alle origini quando debuttò con uno dei colossi nel 2010 prima di passare alle moto nel 2011 e poi ai quad dal 2012 al 2020 con un intermezzo in SSV nel 2019. Casale partecipa a questa Dakar a bordo di un Tatra Phoenix.

Due camion biellorussi nelle prime due posizioni del prologo, i Maz (#502 e #505) sono distanti solo un secondo. Terzo l'Iveco di Macik (#503)

E i Kamaz? Terzi per ora, sarà per il cambio di pilota?... Si vedrà "lungoandare"

 

Sito ufficiale www.dakar.com 

Partner Eventi4x4