Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Price e Al-Attiyah, una scommessa sicura

L'altitudine ha un effetto molto limitato sulla temperatura in Arabia Saudita. Gli equipaggi hanno gareggiato per la maggior parte della speciale di 403 km a circa 1.000 metri sul livello del mare, ma i vasti altipiani che si protendevano fino all'orizzonte non hanno provocato vertigini come fanno le montagne.
Tuttavia, il vento che continua a soffiare sulla regione ha trasformato in particolare le dune disseminate nella prima parte del percorso in ripidi gradini che hanno catturato numerosi concorrenti. Mentre soffiava sul deserto, ha anche rimosso ogni traccia, favorendo il dubbio nella mente di molti navigatori, tra cui il copilota di Carlos Sainz, che ha girato un po' troppo in tondo nella tappa 3 da Wadi a Wadi.

 

 

Oggi, i maestri delle discipline hanno affermato i loro talenti, come Toby Price dimostrando freddamente che non ci sono due giorni uguali per rivendicare un secondo successo quest'anno. Uno dei talenti emergenti della categoria è l'americano Skyler Howes, che si sta dimostrando il più forte, portandosi al comando della classifica generale dopo aver completato l'ultima Dakar in nona posizione.

Il più vicino inseguitore di Stéphane Peterhansel e Nasser Al-Attiyah, è Mathieu Serradori, che li segue a 26 minuti, mentre Carlos Sainz ha perso oggi una mezz'ora, che corrisponde al doppio dello svantaggio subito da Sébastien Loeb, che ora si trova a 45 minuti da “Peter”.

 

 

"Chaleco" López, un'altra Dakar irriducibile, ha aumentato il suo vantaggio nella categoria dei veicoli leggeri vincendo la quindicesima tappa della sua carriera nella doppia disciplina.

Nella gara dei camion, il pilota Kamaz Dmitry Sotnikov è ancora il capo, anche se Siarhei Viazovich ha ottenuto una seconda vittoria di tappa quest'anno con il suo camion Maz.

 

 

Infine, l'argentino Nicolás Cavigliasso si è ripreso e si è portato a 6’41 ’’ da Giovanni Enrico, il quad più veloce del rally fino ad ora, raccogliendo la sua prima vittoria di tappa dell'anno.

 

 

Fino a quando un concorrente non taglia il traguardo, tutto può succedere e oggi Bernhard Ten Brinke ne ha fornito uno sfortunato esempio. Quarto al penultimo cronometro, l'olandese aveva meno di 50 km da percorrere quando un incidente ha del tutto annullato le sue speranze. Dopo aver rotolato e danneggiato il suo Hilux, Ten Brinke sperava inizialmente di ottenere l'aiuto di un altro concorrente, ma alla fine ha dovuto rassegnarsi ad aspettare la sua squadra di assistenza. Le ore perse al suo ritorno a Wadi lo priveranno di ogni speranza di un posto finale sul podio, a cui avrebbe potuto legittimamente puntare… se avesse guidato una gara perfetta!

 

 

Con il suo terzo successo in una tappa speciale dell'anno, incluso il giro del prologo vicino a Jeddah, Nasser Al-Attiyah vanta ora un totale di 38 vittorie. Con un tale punteggio, si sposta di nuovo davanti al suo rivale Carlos Sainz nei libri di storia della Dakar, questa volta per il numero di vittorie di tappa nella categoria auto, anche se resta da vedere se supererà il suo numero di titoli. Questa mattina il qatarino ha dovuto affrontare l'arduo compito di aprire la strada, ma ha sapientemente evitato le insidie ​​della navigazione. Nonostante le sue tre vittorie quest'anno, Al-Attiyah è ancora ad una certa distanza da Stéphane Peterhansel che ne ha 47, tre in meno del detentore del record di categoria, Ari Vatanen (50 trionfi di tappa).

 

 

News www.dakar.com 

 

Partner Eventi4x4