Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Montana 4x4 Historical Car

La rinascita
La manifestazione denominata “Montana 4x4”, lo storico raduno organizzato a suo tempo dal club di fuoristrada “Four Runner Team” è rinato! Questa in estrema sintesi la sostanza di ciò che è successo il 16 e 17 settembre 2017 a Cles in Valle di Non in Trentino.
Dopo ben ventitré anni, l’ultimo “Montana 4x4” si è disputato il 12 novembre 1995, quest’anno, grazie all’interessamento dell’amministrazione comunale di Cles, si è potuto svolgere il raduno denominato “Montana 4x4 Historical Car - In Val di Non fra storia e natura”. Rispetto alle edizioni precedenti la formula è stata cambiata prevedendo la sola partecipazione di fuoristrada di “interesse storico”, quelli con più di vent’anni di età, e “auto storiche”, quelle con più di trent’anni di anzianità, così come definito nel regolamento del Registro Italiano Fuoristrada Storici della Federazione Italiana Fuoristrada.
Scenario
In un territorio ricco di siti di interesse naturale, di storia, e di cultura, non si poteva non organizzare un evento che coniugasse la pratica del fuoristrada con le aree di interesse storico, culturale e paesaggistico.
Va precisato fin da subito che con “pratica del fuoristrada” non si intende in questo contesto l’uso del veicolo a trazione integrale al di fuori dell’infrastruttura viaria. Con le espressioni “pratica del fuoristrada” e ”attività fuoristradistica” si intende l’esclusiva percorrenza della viabilità ordinaria o forestale.
Il percorso del raduno si è sviluppato nel territorio delle valli del Noce spaziando dal fondo valle alle cime montuose. Lungo gli itinerari, uno il sabato e uno la domenica, i partecipanti hanno potuto ammirare, oltre ai paesaggi, castelli, chiese, borghi, malghe e rifugi. E’ stata effettuata la visita a Castel Thun e al Santuario di San Romedio. Ci si è addentrati, per quanto possibile, all’interno del parco naturale Adamello-Brenta.
Lungo il percorso sono state previste soste enogastronomiche mediante le quali i partecipanti hanno potuto degustare alcuni dei prodotti tipici locali: formaggi, salumi, vini, frutta.

 

I partner del progetto
L’evento nasce dalla volontà dell’associazione di appassionati di fuoristrada Four Runner Team con lo scopo di far rivivere il proprio storico raduno. L’idea viene fin da subito appoggiata e promossa fattivamente dall’amministrazione comunale di Cles. Da un lato l’amministrazione di Cles coinvolge nel progetto le amministrazioni dei comuni limitrofi, l’amministrazione provinciale e gli enti di promozione turistica locale. Dall’altro il Four Runner Team ingaggia la Federazione Italiana Fuoristrada che fa proprio il raduno trasformandolo nel raduno nazionale dei fuoristrada storici dell’area nord.
In definitiva i promotori dell’iniziativa sono l’associazione, l’amministrazione comunale di Cles e la Federazione Italiana Fuoristrada. Hanno patrocinato l’iniziativa le amministrazioni comunali di Ville d’Anaunia, Predaia, Ton, Croviana e Caldes. Hanno contribuito in modo determinante l’amministrazione provinciale, la ProLoco di Cles e l’Azienda per il Turismo Val di Non.
Accanto ai partner istituzionali, il raduno ha visto la presenza anche di sponsor privati. Citiamo innanzitutto la Cassa Rurale di Tuenno – Val di Non, la concessionaria Iveco e Fiat Professional Autobrennero di Trento, la concessionaria Land Rover Euromix di Trento, il Bar Centrale di Cles e il Caseificio Sociale Presanella di Mezzana.
Programma
Il programma della manifestazione prevedeva come punto centrale di ritrovo il C.so Dante a Cles e la seguente cadenza di attività.
Sabato 16 settembre 2017 (primo giorno)
Ore 10.00–12.00 Registrazione partecipanti ed esposizione veicoli
Ore 12.00 Trasferimento al Campo Volo di Termon dove sarà possibile imbarcarsi sugli aerei al fianco dei piloti dell’associazione P.U.M.A. sorvolando la valle dei Castelli e delle Malghe. Nella stessa location sarà servito un rinfresco tipico trentino
Ore 14.00 Inizio del tour guidato con visita al Santuario di San Romedio e Castel Thun
Ore 19:00 Rientro in Hotel
Ore 20:30 Cena e briefing per il secondo giorno
Domenica 17 settembre 2017 (secondo giorno)
Ore 8.00-8.30 Registrazione partecipanti - in Corso Dante a Cles (TN)
Ore 8.30 Briefing
Ore 9.00 Inizio del tour guidato in off road alla scoperta delle malghe del Monte di Cles nella parte settentrionale del gruppo delle Dolomiti del Brenta
Ore 11:00 Sosta con degustazione alimentare tipica
Ore 13.30 Pranzo presso il Rifugio Peller a 2022 m di quota
Ore 17.30 Arrivo e premiazioni in Corso Dante a Cles (TN)
Ore 18:00 Chiusura e Saluti di Arrivederci a Cles


Svolgimento

Sebbene le previsioni meteo, poi avveratesi, indicavano tempo instabile con nuvolosità estesa e deboli precipitazioni, sabato 16 settembre hanno raggiunto il luogo di ritrovo ben diciotto equipaggi con altrettanti fuoristrada storici o di interesse storico. Alcuni di essi provenienti da molto distante, come ad esempio gli amici toscani.
La situazione meteo ha condizionato fin da subito lo svolgimento della manifestazione. Infatti il previsto sorvolo della valle non si è potuto effettuare non essendoci le necessarie condizioni di sicurezza. Per contro maggior tempo è stato dedicato alla visita di Castel Thun, non prima di uno spuntino tipico tirolese a base di wurstel.
Le precipitazioni dei giorni precedenti la manifestazione e quelle, seppur deboli in corso, hanno reso il terreno più tecnico, regalando ai partecipanti diverse soddisfazioni nella guida dei loro mezzi.
Fra i mezzi presenti ve ne erano alcuni di veramente anziani che hanno fatto la storia dei veicoli fuoristrada. Citiamo ad esempio due Jeep “Willy” e un Steyr Puch “Haflingher”.
Da Castel Thun attraverso un variegato percorso su strade forestali, normalmente interdette al traffico di veicoli a motore, i partecipanti hanno raggiunto il Santuario di San Romedio, luogo di culto e pregno della storia della Valle di Non. Visitato il santuario i partecipanti, questa volta su strada asfaltata hanno raggiunto il paese di Sanzeno, conosciuto per i sui martiri e quindi sono rientrati al punto di partenza.
Per la cena i partecipanti si sono trasferiti nella Valle di Tovel, all’albergo Capriolo, dove hanno gustato alcuni prodotti della cucina nonesa.
Il giorno seguente, la domenica, il meteo non è stato per nulla clemente, pioggia e nebbia l’hanno fatta da padroni. I partecipanti dopo il briefing sono saliti su strade forestali sulle pendici del monte di Cles passando per la frazione di Mechel e la malga Boiara Bassa. Un breve trasferimento su asfalto ci ha permesso di raggiungere la località Plaze nel comune di Croviana dove era stata allestita una degustazione di prodotti tipici locali: formaggi, salumi e vini.

 

 

Da qui, passando per il paese di Caldes con il suo castello i partecipanti sono saliti per strada forestale alla malga Grumo prima, poi al malga Malgaroi e infine al rifugio Peller dove era previsto il pranzo tipico. Visto il luogo e il clima che si era creato, gli organizzatori hanno deciso di procedere con la premiazione del veicolo “più rappresentativo”. La scelta è caduta sulla capostipite dei fuoristrada la Jeep “Willy” di proprietà e guidata da Rinaldo Fondriest.
Terminato il pranzo e la premiazione i partecipanti sono scesi, sempre per strada forestale a valle in C.so Dante a Cles per i ringraziamenti e i saluti.

 

Il personale in servizio
Una particolare menzione meritano i soci del club che si sono resi disponibili sia prima, sia durante, sia dopo l’evento. Individuare i percorsi, fargli le piccole manutenzioni necessarie, naturalmente previo accordo con le amministrazioni locali, contattare e accordarsi con gli operatori turistici, predisporre la documentazione amministrativa e presentare le richieste di autorizzazione, allestire il luogo di ritrovo, registrare i partecipanti, guidare il convoglio e prestare assistenza durante lo svolgimento della manifestazione, allestire le degustazioni, sono solo alcuni esempi delle attività svolte dai soci per garantire, come avvenuto, una buona riuscita della manifestazione. A loro va il ringraziamento dell’associazione e gli apprezzamenti dei partecipanti.

 

Conclusioni
Sebbene il tempo meteorologico non abbia giocato a nostro favore e nonostante fosse di fatto “una prima volta” la presenza di ben diciotto equipaggi di veicoli storici o di interesse storico ha ripagato degli sforzi fatti per l’organizzazione del raduno.
Purtroppo, come già detto, un’iniziativa che aveva attirato i partecipanti, il sorvolo della valle di Non, causa le cattive condizioni meteo non si è potuta realizzare.
Con sicurezza possiamo dire che il territorio delle valli del Noce ben si prestano a questa tipologia di eventi: i panorami, gli edifici storici presenti, la tradizione dell’alpeggio, i prodotti tipici hanno letteralmente rapito i partecipanti che non hanno perso occasione per fare presente la loro soddisfazione al personale dell’organizzazione.
Riteniamo che l’evento si sia svolto con un impatto trascurabile sull’ambiente e il territorio attraversato. Nemmeno le tracce dei pneumatici crediamo siano riconoscibili sulle strade utilizzate.
Nella speranza che l’iniziativa ora rianimata abbia un seguito il prossimo anno e gli anni a seguire, è d’obbligo qualche considerazione:
Va previsto un maggior anticipo nell’inizio dell’organizzazione, in particolare per quanto attiene la definizione dei tracciati e dei relativi permessi di transito.
Si deve riflettere sull’opportunità di prevedere una sola giornata di manifestazione.
Il “pacchetto raduno” da consegnare ai partecipanti all’atto della registrazione deve essere maggiormente rappresentativo: più informazioni turistiche, più “campioni” di prodotti tipici del luogo, qualche buono omaggio.
Alla luce della numerosità dei partecipanti e delle relative velocità di percorrenza vanno ridotte le lunghezze dei tracciati.
Bisogna richiedere ai ristoratori maggior velocità nel servizio.
 
Arrivederci nel 2018

 
 
Il Coordinatore dell’evento
Walter Tomazzolli

Partner Eventi4x4