Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
In giro per il mondo da 4 anni con la loro Toyota

Una moldava e un italiano girano il mondo da 4 anni con la loro Toyota, avere ogni giorno una vista diversa dalla finestra! Ah, che vita!  Una storia che piacerà a molti di noi, ma avremmo il coraggio di cambiare così tanto la nostra routine e abbracciare una vita del genere, totalmente diversa dal comfort del soggiorno e della camera da letto stabile di casa? Una donna moldava e il marito italiano - Vera e Aldo Giaquinto - hanno avuto questo folle coraggio e da 4 anni girano il mondo in una storia incredibile, che chiamano Alveto Expedition, (una combinazione di abbreviazioni formate dai loro nomi: Aldo, Vera e Toto, l'ultimo dei quali è il soprannome della Toyota Land Cruiser 120, nota anche come Prado, con la quale viaggiano durante questa avventura).

 

 

Tutto è iniziato nel 2016. I due vivevano nel Regno Unito all'epoca, ma a un certo punto hanno deciso di fare il grande cambiamento e intraprendere l'avventura più pazza della loro vita. Hanno venduto tutto quello che avevano e stavano cercando di acquistare il veicolo perfetto per intraprendere l'avventura. A loro è venuto in mente di scegliere un camper, che poteva essere più spazioso e più pratico come una casa su ruote, ma hanno rinunciato rapidamente all'idea, perché volevano arrivare in luoghi non asfaltati, il che significherebbe molto vero fuoristrada e con un camper non hai molto da fare sui crinali delle montagne o ai piedi dei vulcani.

 

 

Quindi hanno optato per una Toyota Land Cruiser Prado. Volevano qualcosa a un prezzo ragionevole, non potevano permettersi di indulgere troppo, così hanno guardato un'auto di seconda mano in Gran Bretagna, dove vivevano. E hanno trovato questo Land Cruiser realizzato nel 2005 per il mercato britannico, con guida a destra. L'hanno acquistata poi, nel 2016, per 7.500 sterline. L'auto aveva quindi percorso 85mila miglia, l'equivalente di poco più di 135mila km.

Perché dicono di aver scelto questo modello di Toyota Land Cruiser? Alcuni dei motivi sono facili da indovinare, come la leggendaria durata e le capacità fuoristrada. Ma ci sono altri motivi che pochi avrebbero immaginato. Viaggiare per il mondo significa che a un certo punto la terra finirà e raggiungerai le rive di un oceano, e questo significherà la necessità di inviare la tua auto con una nave nel prossimo continente e il modo più logico per farlo è metterlo in un container, e Land Cruise Prado, con gli specchietti chiusi, si inserisce perfettamente in un container sia in larghezza che in altezza!

 

 

Inoltre, viaggiano con un budget limitato, con spese minime, avevano bisogno di un motore a basso consumo, preferibilmente diesel e durevole. Inoltre, quando sei per 4 anni sulle strade di tutto il mondo, avrai inevitabilmente bisogno di riparazioni e Land Cruiser ha il vantaggio di essere un modello globale, con pezzi di ricambio che possono essere trovati quasi ovunque nel mondo.

L'auto è ben preparata già di suo, ma quando hai bisogno che sia la tua casa, devi prepararla bene. Nella sua versione originale, questo modello aveva trazione integrale, cambio automatico e due batterie sotto il cofano, in modo che ci sia sempre abbastanza energia per partire in qualsiasi angolo del pianeta. Hanno rialzato l'aspirazione dell'auto sul montante destro, in modo che potesse avvicinarsi ad acque più profonde, e alla fine dell'aspirazione hanno montato anche un prefiltro conico, con effetto centrifugo, che filtra in aggiunta l'aria prima che raggiunga il filtro di aspirazione principale.

 

 

Sopra sono stati installati anche i tubi con le valvole di depressurizzazione degli impianti di raffreddamento e, su consiglio di un meccanico, è stato installato anche un radiatore aggiuntivo per la trasmissione, in modo che possa essere raffreddato in modo più efficiente. Hanno anche messo un verricello davanti. È integrato abbastanza discretamente, in modo da non attirare troppa attenzione, perché in alcuni paesi è addirittura vietato. In 4 anni, però, l'hanno usata solo una volta, per far rimanere un giovane bloccato su una spiaggia in Malesia.

Sotto, l'auto è protetta da lastre di alluminio spesse 8 mm, che spesso hanno salvato l'auto da pietre spietate. Hanno montato un baule aggiuntivo sul tetto e alcuni led, in modo che potessero vedere meglio nelle aree deserte. Il serbatoio del carburante dell'auto è di 90 litri, ma trasporta sempre una tanica di ricambio da 10 litri. Con il pieno possono avere un'autonomia di oltre 1.000 km.

Ma queste sono solo modifiche meccaniche per proteggere e rendere l'auto capace di fuoristrada. Per la comodità della vita dei due a bordo, il sedile posteriore è stato ribaltato e nello spazio creato con il pavimento del bagagliaio, Aldo e Vera hanno installato una camera da letto. Ha una struttura in legno e su di essa è stato posto un materiale isolante, quindi un materasso. Lo spazio creato dal telaio in legno è utilizzato come spazio per riporre oggetti, e nella parte adiacente ai sedili anteriori, ecco due serbatoi d'acqua da 25 litri ciascuno, uno caldo e uno freddo, che alimenta la doccia collegata al loro impianto e l'acqua viene spinta da una pompa. Tutti questi sistemi aggiuntivi, tra l'altro, sono alimentati da una batteria aggiuntiva.


Hanno anche un bagno portatile che funziona con sacchetti biodegradabili, perché Aldo e Vera hanno molto a cuore l'ambiente. Riparano e riutilizzano tutto ciò che possono per un impatto minimo sull'ambiente. Sulla porta posteriore sono appese delle tasche multifunzionali.

 

 

I due hanno anche un forno e Vera è un'ottima casalinga, sa cuocere un pane gutosissimo, e lo può fare ovunque, anche nel deserto più lontano. In Alaska, ad esempio, faceva il pane tutti i giorni, pescavano pesce direttamente dall'acqua e mangiavano persino caviale! Eh, che vita!

Tutte le modifiche all'auto costano circa 4-5 mila sterline e basta. Ma permettono loro di risparmiare decine di migliaia di euro sui loro hotel, i due viaggiano con un budget minimo.

Dove hanno viaggiato e dove sono adesso?

Nel 2016 sono partiti dal Regno Unito verso l'Europa continentale. Si sono diretti abbastanza velocemente verso est, attraversando sia l'Ungheria che la Romania, ma anche, ovviamente, la Repubblica di Moldova, da dove viene Vera!

Si sono poi diretti verso i paesi baltici e hanno raggiunto la fine della penisola scandinava, poi l'hanno ripresa a sud-est e hanno attraversato la Russia da un capo all'altro. Passarono i monti Urali e il lago Baikal e alla fine raggiunsero Vladivostok.

Nel 2017 erano già in Australia, dove la loro Toyota ha dovuto affrontare l'asprezza dell'entroterra australiano, poi affrontarono la Nuova Zelanda, con nuovi panorami fiabeschi, ma molto diversi rispetto all'Australia precedente.

 

 

Da qui l'auto è stata rispedita via mare, questa volta in Sud America. In questo continente, l'avventura è iniziata in Argentina, nel 2018 Vera e Aldo sono andati a nord, in Brasile e Rio de Janeiro, ma anche a sud, esplorando tranquillamente l'Argentina sulla costa orientale fino a Ushuaia, la città più meridionale del continente!

Da qui iniziò una delle parti più affascinanti della loro avventura, mentre salivano a nord sulla costa occidentale del continente, attraverso le Ande del Cile, entrarono Perù, Bolivia, Ecuador, Colombia e nella foresta amazzonica in Brasile.

Gli splendidi panorami sono diventati il ​​loro menu del giorno e la loro diversità fa capire il meraviglioso mondo in cui viviamo. In Guatemala, ad esempio, hanno potuto assistere all'eruzione di un vulcano dalla camera da letto della loro macchina!

 

 

Nel 2019, dopo il Messico, hanno attraversato 28 stati degli USA, gustandoli lentamente, nei loro luoghi selvaggi, ma anche più tradizionali. Poi hanno preso a nord, attraversando le montagne rocciose del Canda, dove  il loro Toto ha trovato neve e gelo fino a -27 gradi. Vera, che è nata in Moldova, si era persino commossa dalla neve e ha scritto:

 

 

È qualcosa di magico nell'inverno, quando guardi la miriade di fiocchi che copre tutto di bianco. C'è qualcosa di confortante in quel silenzio. Mi ricorda la mia infanzia in Moldova e il divertimento di giocare sulla neve, facendo pupazzi di neve o slittando con i miei amici. Sebbene sia associato al freddo, l'inverno mi riscalda il cuore. Mi ricorda anche come eravamo soliti riunire tutta la nostra famiglia per un tè caldo la sera, una fetta di torta appena sfornata e come giocavamo a carte in inverno. È stato qualcosa di veramente speciale. "

Sulla neve hanno usato pneumatici Cooper. Con il primo treno hanno percorso 100mila km in giro per il mondo, ora sono al secondo. A proposito, hanno raggiunto la barriera di 100.000 km in Ecuador e anche le sospensioni della loro vettura hanno resistito, modificate all'inizio per supportare i 400-500 kg aggiuntivi di carico. Usano molle per carichi pesanti ed è 4-5 cm più alto dello standard.

Dalle montagne canadesi sono avanzati in Alaska, dove ci sono poche strade. Molti luoghi possono essere raggiunti in barca o in aereo. Oppure ci sono strade fuoristrada più convenzionali e accidentate che nessuno garantisce. Ma ai due l'Alaska è piaciuta così tanto che l'hanno vagata da soli per più di un mese! E solo per immaginare quanti risparmi hanno sul loro viaggio, nel mese trascorso in Alaska i due hanno speso in tutto 360 dollari in totale!


Dopo l'Alaska sono scesi nel sud del Canada, poi di nuovo negli Stati Uniti, questa volta esplorando la sua parte orientale. Sappiamo già che il 2020 ha portato un mondo improvvisamente cambiato per i viaggiatori! La pandemia globale ha immediatamente imposto importanti restrizioni e questo periodo ha catturato Vera e Aldo in Florida, negli Stati Uniti.

Hanno dovuto trascorrere settimane di fila in Florida, soprattutto nei parcheggi dei supermercati. Anche la televisione americana aveva fatto dei servizi su di loro. Avevano programmato di mettere la loro auto in un container a Miami e inviarla in Sud Africa, ma non potevano volare, Allo stesso tempo, il loro visto americano stava per scadere, quindi hanno dovuto trovare un avvocato che li aiutasse mentre erano in Florida. Da marzo 2020 ad oggi, hanno dovuto rimanere più a lungo negli Stati Uniti e, poiché l'Africa è ancora bloccata per qualsiasi viaggio, i loro piani per il futuro sono stati modificati.


Hanno in programma di rimanere negli Stati Uniti per un breve periodo, dopodiché spediranno la loro auto in Europa. Da qui proveranno ad entrare in Africa, attraverso il nord, e fino ad allora esploreranno l'Europa occidentale, forse la Spagna, forse l'Italia. Realisticamente parlando, sperano di raggiungere l'Etiopia, in Africa, entro dicembre 2020, e da lì continuare la loro avventura.


Sono in giro per il mondo da 4 anni. Hanno attraversato ed esplorato oltre 50 paesi, in 5 continenti, nella sola Africa non sono ancora arrivati. Hanno incontrato difficoltà lungo la strada e l'anno 2020 ha seriamente stravolto i loro piani. Ma dove una porta si chiude, un'altra si apre: i due sono convinti a non rinunciare alla loro avventura e al loro modo di vivere!

 

 

Vivono uno stile di vita semplice, anche nomade, in cui l'agonia del denaro non è presente! Ma, dicono, le cose più affascinanti della vita sono quelle semplici, spesso gratuite o molto accessibili.

Carissimi Vera e Aldo, vi ringraziamo per aver condiviso questa storia con noi e vi auguriamo buona fortuna per la vostra avventura!

 


Questi sono i link dei loro social: Instagram  Facebook

e-mail alvetoexpedition@gmail.com 

Aldo Giaquinto

 

Partner Eventi4x4