Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
Le "montagne russe" di Peterhansel

12 gennaio 2017

La Dakar è ripresa oggi con una tappa di 449 chilometri da Chilecito a San Juan in Argentina.
Una tappa non facile: la collisione di Stéphane Peterhansel con un altro concorrente sconvolge momentaneamente la classifica auto, il motociclista Stefan Svitko cade esausto appena superato il traguardo in terza posizione, mentre Eduard Nikolaev diventa il nuovo leader della categoria camion.

 

Auto
Il 12 volte campione Stéphane Peterhansel tiene la testa della gara fino all'incidente con il motociclista Simone Marčić, ma ripartirà solo all'arrivo del team medico, nel frattempo Cyril Despres chiude la prima sezione con il miglior tempo, seguito da Sébastien Loeb a 6'28.
Loeb, nove vittorie in WRC, vola nell'ultima parte della speciale, ottenendo la sua quarta vittoria di tappa di questa edizione. I risultati provvisori a San Juan vedono Despres al secondo posto (+ 2'33) e Peterhansel al terzo (6'45).
Successivamente la direzione gara riconosce al loro compagno di squadra Peugeot Total il tempo perso nell'incidente, che vince ufficialmente la 10^ Tappa davanti a Loeb (+ 07'28) e Despres (+ 10'01).
"Il motociclista era davantia me e quando mi ha visto ha frenato e non ho potuto evitarlo", ha detto Peterhansel. "Ha subito una frattura ad una gamba, ma era ancora cosciente. Sono stato con lui fino all'arrivo dell'elicottero medico. Dopo di che, era comunque difficile guidare con una buona velocità. Ciò che mi interessa ora sono le condizioni del motociclista."
A due tappe dalla fine, Peterhansel ora è in testa alla classifica generale con 5'50 da Loeb e 25'40 dall'ex-campione di moto Despres.
"Credo che sia stato impossibile andare più veloce", ha aggiunto Loeb. "Ho tentato il possibile. Staremo a vedere."

 

 

Moto
Una tappa difficile in termini di navigazione, una tappa che ha visto molti favoriti guidare nella direzione sbagliata.
Il francese Michael Metge e lo spagnolo Joan Barreda fissano le prime due posizioni, a seguire lo slovacco Stefan Svitko che è crollato esausto poco dopo la linea del traguardo. Stefan è stato poi ricoverato all'ospedale di San Juan.
I piloti KTM: Matthias Walkner e Sam Sunderland terminano rispettivamente in 11^ e 13^ posizione, a 13'48 e 18'01 dietro a Metge. Nonostante un errore di navigazione al km 39, Sunderland è ancora in testa alla classifica generale.
"Con così tanti fiumi, è stata dura seguire la rotta giusta ," ha spiegato il pilota britannico. "Ho fatto un paio di errori prima del rifornimento ed ero stressato perché non sapevo dove fossero le altre moto. Poi vedendo che lì c'erano solo tre moto ho capito che non avevo perso tanto tempo".
Pablo Quintanilla, che era secondo assoluto all'inizio della decima tappa, è caduto dalla moto procurandosi un trauma cranico. Di conseguenza, Walkner sale al secondo posto nella classifica generale, poco meno di 30 minuti dietro Sunderland.
"Non sono mai riuscito a terinare la Dakar e l'essere qui in testa l'undicesimo giorno è un sogno che si avvera", ha aggiunto Sunderland.

 

 

Quad
Il Cileno Ignacio Casale continua a lottare nella sua categoria con Sergey Karyakin. Il russo ha un buon ritmo, ma il cileno è passato al WP1 con 3'25 davanti a dAxel Dutrie e con 3'58 su Sergey Karyakin. Ora ci sono 21'05 di distacco tra Casale e Karyakin.

 

Camion
Dopo aver vinto il titolo nei camion nel 2013, Eduard Nikolaev del Team Kamaz, conquista il miglior tempo. Il risultato vede Nikolaev scavalcare il compagno di squadra Kamaz Dmitry Sotnikov che chiude in seconda posizione e che ora detiene il secondo posto nella classifica generale. A completare il trio Kamaz è Ayrat Mardeev che termina in terza posizione.

 

© 2017 Red Bull Media House GmbH - all rights reserved.

Red Bull Media House GmbH
Oberst-Lepperdinger Straße 11-15
5071 Wals near Salzburg, Austria

 

 

Partner Eventi4x4