Questo sito utilizza Cookie per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione o cliccando OK si accetta l'utilizzo. Informativa Cookie | OK
2017 Dakar: Buon esordio per la MINI John Cooper Works Rally

E' finita! Due settimane di Dakar attraverso il Paraguay, la Bolivia e l'Argentina, sotto piogge torrenziali, fango, caldo ed altissime quote! Tutte e tre le MINI John Cooper Works Rally sono sopravvissute al debutto fino al traguardo, oltre alle quattro delle altre cinque MINI. In questa difficile Dakar che ha messo a dura prova uomini e mezzi, sei dei sette piloti MINI hanno raggiunto il traguardo entro le 20 posizioni. Le ultime due settimane sono state estremamente ricche di eventi e alla fine, è stato l'equipaggio formato da Orlando Terranova (ARG) e Andreas Schulz (GER) sulla loro MINI John Cooper Works Rally che ha affrontato al meglio i continui saliscendi arrivando sesto in classifica generale. Settimo l'equipaggio formato da Kuba Przygonski (POL) e Tom Colsoul (BEL). Molto bene per il Qatarino Mohamed Abu Issa, navigato dal francese Xavier Panseri, che termina la sua prima Dakar al 10° posto.
  
Il debutto della nuova MINI John Cooper Works Rally è stato positivo, i tre veicoli hanno raggiunto l'Argentina senza grossi problemi tecnici, sono state piuttosto condizioni e circostanze che hanno influito sul risultato, come l'enorme altitudine della Bolivia che ha creato problemi particolari a Yazid Al-Rajhi (KSA) che non ha terminato la 4^ tappa.
 
Inoltre, il meteo ha impedito agli equipaggi di guadagnare il terreno perduto, per prove speciali ridotte o addirittura annullate, 1400 km su 4093 di speciali in programma non sono stati coperti, più di un terzo! La nona tappa, in particolare, avrebbe offerto agli equipaggi della MINI John Cooper Works Rally la possibilità di spingere.
 
Per Terranova, l'inizio è stato particolarmente difficile. Anche per lui, la quarta tappa si è rivelata cruciale per tutto il resto della Dakar, problemi di navigazione e difficoltà per l'alta quota gli sono costate molto , comunque nei giorni successivi si è fatto strada e passo dopo passo raggiunge la sesta posizione assoluta. "La prima settimana è stata difficile" ha ammesso "abbiamo fatto troppi errori, perdendo così un sacco di tempo. La seconda settimana, invece, è andata nettamente meglio ed ora sono felice di aver raggiunto il traguardo senza problemi alla macchina. La nuova MINI è stata fenomenale, la navigazione era estremamente difficile e le prove speciali erano lunghe tecniche -. Questa Dakar è stata migliore di quella dello scorso anno ". 

Il settimo posto di Przygonski è stata una sorpresa. Il giovane polacco, da poco al volante ha dimostrato quest'anno di essere determinato e  veloce. "Questa è stata una Dakar veramente ardua con diversi momenti difficili tra cui la navigazione", ha detto. "Con Tom mi sono divertito molto. Sono felice della settima posizione. La differenza tra la Dakar dello scorso anno e questa è stata enorme, ora cercherò di poter guidare ancora più veloce."

 

Anche il 10° posto ottenuto da Abu Issa è stata una grande sorpresa. Alle spalle diversi anni sul quad ed ora alla sua prima Dakar con una macchina. "Questa è stata la mia quarta Dakar ma molto diversa dalle precedenti. Sono contento della squadra, mi ha insegnato molto mi sto concentrando ad imparare, mentre prima, quando correvo sul quad, ero io quello che insegnava agli altri come quando mi rivolgevo ai miei meccanici per quanto riguarda la messa a punto che volevo. In X-raid, però, sono io sono quello che deve  imparare e questo è molto importante per me, perchè sono ancora molto giovane. Voglio vincere la Dakar un giorno e questo è il modo giusto per prepararmi ".

 

Hirvonen si è mantenuto nella top-five per quasi tutta la gara, ma ha dovuto lottare con una navigazione molto esigente - e la decima tappa ha distrutto le sue speranze per il podio, ai problemi di navigazione si è aggiunta una collisione con un camion che gli è costata più di tre ore. "La mia seconda Dakar è stata sicuramente più impegnativa e difficile della prima, ma anche se non abbiamo raggiunto quello che  speravamo, alla fine, il nostro ritmo era davvero buono", ha detto il finlandese che ha chiuso in 13^ posizione, ma questo fa parte del gioco. "Nel complesso i sono divertito molto e la Dakar si è rivelata l'avventura che speravo, la nuova MINI si è comportata veramente bene e credo che avremmo potuto conquistare il podio."

 

Stephan Schott scende dalla sua MINI ALL4 racing con un grande sorriso. Insieme al suo co-pilota portoghese Paulo Fiúza ha terminato in 15ma posizione, il suo miglior risultato in Dakar. "Sono entusiasta", dice "è stata una bella Dakar, anche se alcuni tratti in Bolivia non erano molto piacevoli da percorrere. Devo un grande ringraziamento al mio navigatore che ha fatto un ottimo lavoro."

 

Soddisfatto del risultato raggiunto anche l'equipaggio brasiliano Sylvio de Barros e Rafael Capoani, che ricordiamo ha sostituito Bryce Menzies a causa di problemi di salute. "E 'stata una grande esperienza e La MINI è a prova di proiettile - abbiamo colpito alberi e rocce ma la macchina è sopravvissuta tutto e siamo qui all'arrivo della Dakar 

 

Al-Rajhi e il suo navigatore tedesco Timo Gottschalk erano partiti bene, ma l'alta quota durante la 4^ tappa ha decretato purtroppo la fine ai loro sogni di salire sul podio. "Quest'anno la Dakar è stata divertente, ma io non amo guidare in alta quota", ha rivelato il pilota dell'Arabia Saudita. "Correvamo ad una velocità veramente competitiva ma mi sentivo davvero male a quelle altitudini inoltre ero appena uscito da un raffreddore. E 'un vero peccato perché mi sarebbe piaciuto ottenere un risultato migliore. La MINI è una vettura estremamente robusta, molte altre squadre hanno incontrato problemi tecnici, ma noi no. Nella nostra squadra, gli errori sono stati fatti principalmente dai piloti".
 

Il maltempo ha reso la navigazione ancora più difficile, il caldo eccessivo del Paraguay e dell'Argentina, nonché la pioggia torrenziale, il fango e il freddo della Bolivia hanno messo a dura prova i limiti del team, ma i meccanici sono riusciti ogni sera a mantenere alto il livello di concentrazione ed hanno fatto un lavoro perfetto nell'assistenza delle otto MINI.
 
"E 'stata una Dakar estenuante e non solo dal punto di vista sportivo", ha detto il Team Manager Sven Quandt. "Quest'anno, le condizioni erano estremamente difficili per tutti. Il caldo nelle prime tappe superava i 40° C, poi l'altitudine della Bolivia fino a 4000m slm - e in aggiunta pioggia e freddo. Tutto ciò è stato fisicamente e mentalmente esigente. Ciò nonostante, i nostri meccanici hanno fatto un lavoro fantastico dimostrando grande capacità di resistenza. Essere sdraiati sotto una macchina, sotto la pioggia, con il fango ovunque e l'acqua che ti scorre sul collo ... è tutt'altro che divertente. I nostri piloti MINI ancora una volta hanno dimostrato la loro affidabilità, anche se è da sottolineare che il diesel 4x4 è chiaramente penalizzato in tutti i tratti veloci che sono stati estremamente impegnativi e dove non abbiamo avuto alcuna possibilità contro i buggy. Pertanto, in futuro, ci concentreremo ancora di più sulle due ruote motrici."

Dakar 2017 Result SS12:
1. S. Loeb (FRA) / D. Elena (MNC) Peugeot – 28m 55s
2. S. Peterhansel (FRA) / J.-P. Cottret Peugeot – 29m 14s
3. De Villiers (RSA) / D. Von Zitzewitz (GER) Toyota - 29m 25s
4. C. Despres (FRA) / D. Castera (FRA) Peugeot – 29m 48s
5. C. Rautenbach (ZWE) / Howie Robert (RSA) Toyota – 29m 55s
...
7. O. Terranova (ARG) / A. Schulz (GER) MINI John Cooper Works Rally – 30m 05s
...
9. M. Hirvonen (FIN) / M. Périn (FRA) MINI John Cooper Works Rally – 20m 28s
...
12. J. Przygonski (POL) / T. Colsoul (BEL) MINI ALL4 Racing – 31m 03s
...
14. M. Abu Issa (QAT) / X. Panseri (FRA) MINI ALL4 Racing – 31m 54s
...
17. Y. Al-Rajhi (KSA) / T. Gottschalk (GER) MINI John Cooper Works Rally – 33m 32s
...
19. S. Barros (BRA) / R. Capoani (BRA) MINI ALL4 Racing – 33m 54s
...
23. S. Schott (GER) / P. Fiúza (POR) MINI ALL4 Racing – 35m 18s


Dakar 2017 Overall standing after SS12:
1. S. Peterhansel (FRA) / J.-P. Cottret Peugeot – 28h 49m 30s
2. S. Loeb (FRA) / D. Elena (MNC) Peugeot – 28h 54m 43s
3. C. Despres (FRA) / D. Castera (FRA) Peugeot – 29h 22m 58s
4. N. Roma (ESP) / A. Haro (ESP) Toyota – 30h 06m 13s
5. De Villiers (RSA) / D. Von Zitzewitz (GER) Toyota - 30h 39m 18s
6. O. Terranova (ARG) / A. Schulz (GER) MINI John Cooper Works Rally – 30h 42m 01s
7. J. Przygonski (POL) / T. Colsoul (BEL) MINI ALL4 Racing – 33h 04m 17s
...
10. M. Abu Issa (QAT) / X. Panseri (FRA) MINI ALL4 Racing – 33h 43m 00s
...
13. M. Hirvonen (FIN) / M. Périn (FRA) MINI John Cooper Works Rally – 34h 45m 30s
...
15. S. Schott (GER) / P. Fiúza (POR) MINI ALL4 Racing – 36h 14m 02s
...
18. S. Barros (BRA) / R. Capoani (BRA) MINI ALL4 Racing – 37h 03m 17s
...
27. Y. Al-Rajhi (KSA) / T. Gottschalk (GER) MINI John Cooper Works Rally – 43h 54m 04s

News by X-raid.de

 

 

Partner Eventi4x4